Gestazione del gatto siberiano, quanto dura?

Scopri la gestazione gatto siberiano

Il siberiano è un gatto originario della Russia orientale, in particolare della fredda regione siberiana ed è probabilmente il risultato dell’incrocio tra il gatto europeo e il gatto selvatico delle foreste siberiane. È nella categoria dei gatti a pelo semi-lungo e la sua abbondante pelliccia ha permesso alla razza di sopravvivere da più mille anni a temperature di quasi 30 gradi sotto lo zero.

Dettagli a sapere sul siberiano

E’ probabile che alcune persone appassionate di gatti siberiani, vorrebbero iniziare un loro allevamento proprio. Prima di iniziare un nuovo allevamento, ci sono molti dettagli e informazioni da apprendere su questi fantastici animali. Tra le altre cose, dovrai sapere quale sia il periodo di gestazione del gatto siberiano. Le caratteristiche morfologiche delle razza, il loro carattere, le cure che dovrai avere nei loro confronti, ecc. Continua a leggere e troverai alcune di queste informazioni.

Gestazione del gatto siberiano

Il gatto siberiano cresce fino a 4-5 anni anche se ad un anno è già in grado di riprodursi. La femmina raggiunge la maturità sessuale a 9-10 mesi di età. La gestazione del gatto siberiano dura circa 2 mesi e nascono dai 3 ai 6 cuccioli. I cuccioli aprono gli occhi nella prima settimana di vita e per circa 3-4 settimane si nutrono del latte materno. Intorno al mese di vita, sono svezzati con alimenti specifici.

I gatti a peli lungo erano rari in Europa

Erano una rarità in Europa fino al XIX secolo, quindi non sorprende che la varietà russa stesse attirando l’attenzione di mercanti e viaggiatori e che fosse importata in Europa. I gatti siberiani erano già descritti nel 1864 in un’edizione del Brems Tierleben e più tardi apparvero sporadicamente nelle pubblicazioni europee.

In URSS erano vietati gli allevamenti

I gatti a pelo lungo provenienti dalla Russia facevano parte della prima mostra di gatti al Crystal Palace di Londra nel 1871. Tuttavia, in un primo momento la gara cadde nell’oblio dopo questa prima mostra. Una ragione è che questi gatti erano una rarità. La situazione politica nella Russia sovietica ha anche contribuito alla scomparsa degli allevamenti di gatti siberiani all’epoca.

Gli anni 80 segnarono una svolta

Gli anni ’80 segnarono un nuovo inizio. Nel 1985 si creò una razza sperimentale nella Repubblica Democratica Tedesca con gatti domestici a pelo lungo importati dalla Russia, e si esposero dall’anno successivo. Dal 1987, il “Gatto forestale siberiano” è ufficialmente riconosciuto. Nello stesso anno, la prima coppia di gatti siberiani arrivò in Germania. Dopo la prima cucciolata registrata nel 1989 la razza cominciò a guadagnare sempre più ammiratori, anche dall’altra parte dell’oceano.

La situazione nel presente

Più o meno nello stesso periodo, l’allevamento sistematico della Siberia iniziò in Russia, e nel 1990 i primi esemplari sono stati esportati negli Stati Uniti. Tuttavia, gli elevati costi di importazione dalla Russia avevano relativamente limitato la popolazione di gatti russi a pelo lungo negli Stati Uniti. Nel presente, i gatti siberiani sono allevati in tutto il mondo. Il nome è cambiato da gatto della foresta siberiana a gatto siberiano nel 1991, soprattutto per differenziarlo meglio dal gatto della foresta norvegese. La razza è stata ufficialmente riconosciuta dalla World Cat Federation nel 1992 e nel 1998 dalla FIFe.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *